Chamber

Denominazione: Chamber
Riferimento: #1181-0326-0007

DESCRIZIONE SOMMARIA

Il chamber è una tecnologia sofisticata e delicata sviluppata dal dipartimento della difesa nel sottosuolo di un distretto di Polizia, quello di Point Destiny, in grado di discriminare il continuum spazio-temporale, di visualizzarne e ricrearne al proprio interno alcuni frammenti. Al contrario di un semplice strumento di visualizzazione il chamber permette, a chi ne varca il perimetro (safe area), di interagire con quel frammento di realtà, modificandone alcuni aspetti peculiari.

All’interno del chamber ogni frammento segue le regole fisiche della realtà e questo vale sia per chi è ricreato all’interno del chamber stesso sia per chi lo visita. Da quando si è scoperto che il continuum è composto da infiniti frammenti di realtà, slegati l’uno dall’altro se non per pochi dettagli caratterizzanti, questa tecnologia ha permesso di potervi interagire senza rischi. In parole povere, il chamber permette di manipolare la realtà ad un livello più semplice. Questa tecnologia, che utilizza a livello sperimentale il Tempo Fluido, è stata data in dotazione al distretto di Point Destiny come unità di prova.

RELAZIONE TECNICA

Il chamber si compone, ad un livello superficiale, di diverse macro unità quali il Palette Recognizer [PR], il Palette Decodificator [PD], il Frag Shifter [FS], la First Scram Unit [FSU], il Pitcher [PI], lo Spatial Buffer [SB], il Time Coder [TC], il Frag Coder [FC], la Second Scram Unit [SSU] ed il Focus [FO], secondo quando riportato nello schema a blocchi.

Fig. 1: Schema a blocchi del chamber

DESCRIZIONE MACRO UNITA’

[PR]: questa unità è la prima ad essere interessata nel momento in cui un operatore effettua, attraverso la sua console, l’inizializzazione della procedura di ricostruzione di un frammento (call) a partire da una serie di informazioni digitali della scena del crimine precedentemente collezionate (palette). E’ in grado di riconoscere le informazioni della palette e di processarne i contenuti nella maniera adeguata al fine verificare l’integrità dei dati stessi.

[PD]: ha il compito di decodificare i contenuti precedentemente processati dal [PR] e di discriminarli, per la prima volta, al fine di indirizzare al [FS] ed allo [SB] i dati relativi al frammento inerente alla palette inserita dall’operatore.

[FS]: ha il compito di ricombinare (shifting) le informazioni ottenute dal [PD] e di interpolarle a livello quantico con la propria matrice di trasposizione (roaming). In questo modo è in grado di inviare dati esatti sulla posizione del frammento e pilotare così la [FSU] in modo coerente.

Fig. 2: Energia di Roaming per Rifrazione/Dissipazione

[FSU]: questa unità, assieme alla [SSU] è il fulcro del funzionamento del chamber. I dati in arrivo dal [FS] sono trasformati dal dominio t al dominio w e convoluti quindi con un treno di campioni standard ottenuti con una tecnica chiamata two-ways base drain. I dati ottenuti dalla convoluzione con i campioni standard andranno a formare la cosiddetta base di frammento (frag base) che sarà usata dal [PI] come guida di tracciamento per il primo strato di ricostruzione.

[PI]: La guida di tracciamento (tracking spot) in arrivo dalla [FSU] è qui utilizzata per pilotare gli emettitori di tempo fluido che compongono il blocco (refraction). Dal momento che questi emettitori sfruttano solo la dinamica alpha e beta delle molecole di tempo fluido sono in grado di manipolare l’interno della safe area e di modificarne la struttura, andando a tratteggiarvi all’interno il frammento richiesto. Questa fase è detta di ghosting, dal momento che il frammento non è ancora del tutto ricreato ma solo delineato nei suoi tratti fondamentali.

Fig. 3: Diagramma di Rifrazione/Dissipazione

[SB]: riceve i dati dal [PD] così come sono e li stocca in quello che può essere visto come un array spaziale, dal quale potranno essere attinti dal [TC] e dal [FC].

[TC]: discrimina le coordinate temporali di un frammento dai dati prelevati dallo [SB]. Dopo una serie di trasformazioni non lineari è in grado di codificare le coordinate così trasformate secondo una tecnica bend-driven. La codifica temporale di un frammento, quindi, è inviata al [FC].

[FC]: un altro blocco fondamentale che, di fatto, aggrega i dati in arrivo dallo [SB] con la codifica temporale del [TC] andando a costruire un frame-slice che rappresenta l’unità base di ricostruzione di un frammento. Questo blocco non invia solo questo alla [SSU] ma anche un parity-frame di controllo che permette di ottemperare una correzione dei dati in caso di corruzione.

[SSU]: come per la [FSU] i dati in arrivo dal [FC] sono trasformati dal dominio t al dominio w e convoluti con un treno di campioni ad alta definizione ottenuti con la tecnica chiamata two-ways aft drain. I dati ottenuti formano la cosiddetta cresta di frammento (frag peak) che sarà usata, come nel caso precedente, dal [FO] come guida di tracciamento per l’ultimo strato di ricostruzione.

[FO]: La tracking spot in arrivo dalla [SSU] è utilizzata, con lo stesso meccanismo, per pilotare gli emettitori di tempo fluido che compongono questo blocco. I suoi emettitori, qui, sfruttano solo la dinamica delta delle molecole di tempo fluido. Questa fase è detta di carving, dal momento che il frammento è come scavato all’interno della safe area, poichè la polarizzazione della dinamica delta è in controfase con quella delle dinamiche alfa e beta, proiettate dal [PI].

Fig. 4: Spread del Tempo Fluido. Comparazione Globale

*nota: quando un frammento è cancellato dalla safe area, la polarizzazione delle tre dinamiche è invertita e si parla di dissipation.

Annunci

4 Responses to Chamber

  1. munchhausen ha detto:

    meno male che la descrizione era sommaria…
    🙂

  2. Bonvi ha detto:

    Ciao!
    Ehehehehe … che ti devo dire? Quando mi lascio prendere la mano non mi fermo più!
    Felice che ti sia piaciuto 🙂

  3. McLife ha detto:

    Alla faccia, complimenti Bonvi, grandioso lavoro!!

  4. Bonvi ha detto:

    Ciao, grazie infinite!
    Come ho scritto in qualche altro post … Star Trek è stato un’ottima serie “scuola” 🙂
    Con serie come quella si capisce quanto “fondamentale” sia creare … il “contorno” per rendere il tutto più appetibile 🙂
    A presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...